Singapore, la porta della Russia per entrare nel mercato ASEAN

Singapore è pronta a firmare un accordo di libero scambio con l’Unione economica eurasiatica (EAEU), un blocco di Paesi che include Armenia, Bielorussia, Kazakistan, Kazakistan e Russia. L’accordo dovrebbe essere firmato entro la fine di quest’anno e il vice primo ministro di Singapore, Tharman Shanmugaratnam, ha ribadito l’interesse di Singapore nella cooperazione economica e commerciale con la Russia, rilevando come i due Stati non stiano utilizzando pienamente il potenziale di tale cooperazione. Guidato dalla Russia, l’EAEU si estende essenzialmente dai confini della Cina ai confini dell’Unione europea.
map

Il vice primo ministro russo Igor Shuvalov ha affermato che l’Unione economica eurasiatica e Singapore firmeranno l’accordo di libero scambio entro la fine del 2017 ma sarà ratificato nella prima metà del 2018. Attualmente, il commercio bilaterale tra i due Paesi ha un valore di circa 8 miliardi di dollari.            Durante l’incontro ASEAN-Russia a Sochi a maggio, alcuni membri ASEAN hanno auspicato la firma di un accordo di libero scambio ed infatti le istruzioni del presidente russo Putin sono quelle di siglare l’accordo con Singapore per poi estenderlo ad altri Paesi ASEAN. Secondo Shuvalov, Singapore è uno dei partner chiave della Russia in ASEAN, considerata la porta di un mercato in continua crescita.

Tuttavia, Singapore non sarà il primo stato ad avere un accordo bilaterale con l’EAEU. Infatti, il Vietnam è attualmente l’unica nazione ASEAN ad avere un accordo con l’EAEU, entrato in vigore all’inizio del 2016. Da allora, il commercio bilaterale, in particolare tra Vietnam e Russia, è aumentato, con la Russia che è arrivata ad investire 10 miliardi di dollari nei progetti vietnamiti. Le esportazioni russe verso il Vietnam hanno, inoltre, mostrato un forte aumento dopo tale accordo:

russian-exports-vietnam-01-copy-002

Singapore sarà una buona base per le aziende russe al fine di raggiungere gli altri mercati del Sud-Est Asiatico. In qualità di membro ASEAN, essa funge da centro finanziario e di servizio de facto per la regione, ed è utilizzato per raggiungere altri mercati chiave dell’ASEAN come l’Indonesia, la Malaysia, le Filippine e la Thailandia così come il Vietnam. Va ricordato, che l’ASEAN dispone anche di accordi di partenariato con Cina e India, ideale per le imprese russe che vogliono essere coinvolte a livello regionale.

L’EAEU ha intavolato anche trattative con la Cina, l’India e numerosi altri paesi in materia di accordi di libero scambio, in parte come una risposta russa alle sanzioni europee e anche in parte in risposta alle crescenti opportunità che si sono sviluppate con la nuova “Via della seta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *