Repubblica Dominicana, la perla caraibica tra turismo e real estate

La Repubblica Dominicana rappresenta, ormai da diversi anni, la prima economia caraibica sia in termini di solidità sia in termini di crescita. Il PIL è in costante crescita: nel 2015 ha registrato un 7% e, secondo Standard & Poor’s manterrà una crescita annua media attorno al 5% per i prossimi 3 anni, la crescita più rapida della zona caraibica. Questo è il miglior risultato tra i Paesi dell’America Latina grazie, soprattutto, ad una imponente crescita di turismo, infrastrutture e manifatturiero.L’analisi condotta da Standard & Poor’s fa emergere la netta diminuzione del debito con l’estero ed un PIL procapite in crescita, sopra la media rispetto a Paesi con il medesimo livello di sviluppo economico.

Il crollo del prezzo del petrolio e l’aumento dei turisti statunitensi hanno permesso al Paese di rafforzarsi e di cominciare a diversificare la propria economia. Nel 2016 si sono intensificati ulteriormente gli investimenti stranieri nell’industria alberghiera; ciò ha condotto ad un miglioramento collaterale delle infrastrutture e dei servizi. Occorre osservare, infatti, che diversi resort provvedono spesso alla costruzione di veri e propri aeroporti privati al fine di agevolare i turisti nel raggiungimento della zona scelta, evitando lunghe tratte di trasporto via terra. L’ingresso di nuovi capitali esteri è certamente agevolato dalle politiche fiscali del Paese che creano un business environment favorevole e accogliente per l’imprenditore straniero. Secondo la legge sugli investimenti stranieri dominicana (L. 16/1995) gli investitori stranieri, hanno obblighi e diritti simili a quelli degli investitori locali. In accordo con le disposizioni del Codice Civile dominicano, l’investitore straniero può installare sedi principali o succursali dell’impresa ed effettuare, senza limitazioni, trasferimenti di denaro liquido e rimpatrio del capitale. Vi è, tuttavia, l’obbligo di registrazione al Banco Central o al Consiglio Nazionale delle Zone Franche di esportazione (in base al luogo dell’investimento) entro 90 giorni dalla realizzazione dell’investimento, senza la necessità di una previa autorizzazione. Gli investimenti restano, tuttavia, esclusi o limitati nei settori di salute pubblica o ambientale e sicurezza nazionale. Inoltre, gli ottimi rendimenti dei titoli di stato domenicani stanno portando nelle casse del Governo ingenti investimenti da parte di privati: come riportato recentemente da “Il Sole 24 Ore”, tra i migliori bond “emergenti” si trovano proprio quelli della Repubblica Dominicana, con scadenza 2020 e cedola fino al 10,5%.

Il settore che traina l’economia dominicana è certamente il turismo e il real estate. La Repubblica Dominicana, con 5 milioni 352 mila visitatori stranieri giunti da gennaio a novembre 2016 (il 6,7% rispetto al 2015), prevede un incremento degli arrivi del 6% nel 2017 per poter raggiungere il traguardo dei 10 milioni di turisti entro il 2022, obiettivo del presidente Danilo Medina. Il 2016 è stato uno degli anni più produttivi per il turismo, secondo il presidente dell’Asonahores (associazione degli hotel e delle istituzioni turistiche in Repubblica Dominicana) contribuendo al prodotto interno lordo per un 16%.

Secondo il Banco Central nel periodo gennaio/settembre i ricavi ottenuti dall’attività di hotel, locali e ristoranti hanno avuto un incremento del 5,9% che si aggiunge al 10% ottenuto dalla spesa turistica. Le visite dei crocieristi hanno contribuito a tale risultato con più di 500 mila turisti da gennaio a novembre, soprattutto grazie al nuovo terminal di Puerto Plata. Inoltre, sono state inaugurate ben dieci nuove strutture alberghiere di lusso come il Dreams Dominicus a La Romana e il Nicklelodeon Resort a Punta Cana.

Per quanto concerne il real estate, il flusso di capitali stranieri è in costante crescita considerati gli ottimi prezzi di vendita di terreni, ville e appartamenti per lo più trasformati in B&B o residenze private. Inoltre, sono presenti in loco diverse agenzie immobiliari italiane che seguono l’acquirente nell’iter di acquisto della proprietà immobiliare. A tal proposito, il nostro sito ha stretto una partnership con un’agenzia italiana che si occupa di investimenti immobiliari con sede in Repubblica Dominicana: www.ca-pa-caraibi.com. Sul sito troverete tutte le informazioni e i contatti per investire in tale settore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.paesiemergenti.com/repubblica-dominicana-la-perla-caraibica-tra-turismo-e-real-estate">
Twitter
LinkedIn