Perché l’ESTA è necessario per i cittadini italiani che intendono recarsi in USA?

Dopo i tragici attentati dell’11 settembre 2001, gli Stati Uniti hanno rafforzato ogni tipo di misura di sicurezza, cambiando drasticamente anche la documentazione necessaria per entrare nel Paese.

Il 12 gennaio 2009 il Governo americano ha introdotto l’ESTA (Electronic System for Travel Authorization), un documento necessario per accedere sul territorio statunitense per una permanenza massima di tre mesi. Tale documento migliora il sistema di monitoraggio sulle persone che richiedono l’accesso negli Stati Uniti, aumentando la sicurezza nel Paese.

Tutti i cittadini italiani che hanno intenzione di recarsi negli Stati Uniti per turismo, lavoro, soggiorni inferiori a 90 giorni o semplicemente per uno scalo aereo, anche senza uscire mai dall’aeroporto, necessitano di procurarsi tale documento. Infatti, l’Italia, insieme ad altri 38 Paesi (tra cui anche Giappone, Brunei, Nuova Zelanda e Regno Unito), fa parte del Visa Waiver Program che permette ai cittadini di questi Paesi di poter entrare negli USA senza visto, ovvero solamente con passaporto elettronico, in corso di validità, ed ESTA. Occorre osservare l’importanza di possedere il passaporto elettronico, visto che esso è dotato di un microchip dove sono contenute tutte le informazioni anagrafiche dell’intestatario, oltre che la sua impronta e la sua foto digitali.

Gli agenti della dogana statunitense potranno così controllare l’identità del titolare del passaporto, tuttavia, è bene ricordare che la legge sulla privacy protegge il contenuto del microchip, che può essere utilizzato esclusivamente per scopi di sicurezza e non può essere in alcun modo divulgato.

L’ESTA contiene una serie di informazioni come dati anagrafici, dati del passaporto, recapiti ma anche informazioni riguardanti il volo, la città di partenza e di destinazione, il domicilio nel territorio statunitense, oltre a domande riguardanti condanne o partecipazione ad atti terroristici. La compilazione, naturalmente, è completamente a cura del richiedente e tutte le informazioni inserite devono essere veritiere poiché trattasi di una autocertificazione. La guida completa alla compilazione per i cittadini italiani è contenuta nel sito www.esta.it.

Per procedere con la richiesta dell’ESTA è necessario accedere al sito ufficiale del Governo degli Stati Uniti e saranno necessari circa trenta minuti per completare la compilazione. Qualora la richiesta sia per più persone è possibile selezionare l’opzione “domanda collettiva”.

Il pagamento, invece, può essere effettuato sia tramite carta di credito oppure utilizzando un conto Paypal.

L’ESTA ha una validità di due anni e, quindi, si ha la possibilità di utilizzare l’autorizzazione più volte durante questo periodo facendo diversi soggiorni o transiti negli Stati Uniti. Tuttavia, se alcune informazioni riguardanti il titolare dell’Esta dovessero cambiare è necessario segnalare tali modifiche, nella maggior parte dei casi tramite una nuova domanda online. Trascorsi i due anni, l’ESTA non verrà rinnovata automaticamente ma va effettuata una nuova richiesta qualora si intenda tornare negli USA.

Dunque, si tratta di un documento imprescindibile che ogni cittadino italiano, che intende recarsi negli Stati Uniti, deve possedere prima della partenza. Una volta terminata la compilazione, passeranno circa due o tre giorni lavorativi prima di ricevere l’ESTA. Tuttavia, è sempre consigliabile fare richiesta del documento almeno un mese prima della partenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *