Il sud-est asiatico sarà la nuova locomotiva dell’economia mondiale

Secondo un nuovo rapporto OCSE, l’Asia si concentrerà maggiormente sulla apertura di nuovi stabilimenti e uffici nel sud-est asiatico e meno sulla Cina nei prossimi dieci anni.

L’Asia è divenuta, negli ultimi anni, la “fabbrica del mondo”, poiché produce quasi la metà delle merci prodotte nel mondo. Entro il 2030, il continente asiatico sarà la patria del 66% della popolazione globale della classe media e del 59% dei consumi mondiali della classe media, rispetto al 28% e 23%, registrati rispettivamente nel 2009.

Tuttavia, tali dati non sono in grado di fornire sempre una visione chiara delle reali condizioni economico-politiche della zona. Esistono alcune realtà che rendono l’investimento economico in Asia una vera e propria sfida. Nonostante alcuni progressi a livello sub-regionale, con iniziative quali l’Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) e con accordi commerciali e di investimento multilaterali, si è dovuto fare i conti con ostacoli come il nazionalismo e norme regolamentari diverse in ogni Paese.

Il panorama del business in Asia cambierà in modo significativo nei prossimi dieci anni; infatti, paesi come Myanmar, Vietnam e Thailandia saranno i Paesi trainanti del sud-est asiatico.

La presenza di imprese in Myanmar aumenterà circa del 22% nei prossimi 5 anni e del 50% nei prossimi 10. Allo stesso modo il numero di imprese aumenterà anche in Vietnam e Thailandia nei prossimi 5 e 10 anni, rispettivamente del 30 e 38% e del 31 e 36%.

La Cina sarà il driver dell’economia asiatica e sarà il modello a cui si ispireranno le economie emergenti della zona. Già diverse aziende cinesi hanno stretto legami commerciali con questi Paesi e il 41% delle imprese cinesi hanno già sviluppato una strategia di investimento adeguata per i prossimi 5 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.paesiemergenti.com/il-sud-est-asiatico-sara-la-nuova-locomotiva-delleconomia-mondiale">
Twitter
LinkedIn