Giappone, aumentano gli investimenti in Africa nei settori energia e infrastrutture

Già diverse imprese giapponesi stanno giocando un ruolo fondamentale nello sviluppo delle infrastrutture e Tokio è pronto a massimizzare le sue importazioni di energia dal continente al fine di ridurre la su dipendenza dal carbone australiano, dal gas dell’Asia orientale e dal petrolio del Medio Oriente. Il Giappone punta molto sull’Africa visto anche il crescente numero dei consumatori, che rappresenta un nuovo mercato da sfruttare per l’export.

Il valore delle importazioni giapponesi dall’Africa negli ultimi cinque anni, ha più o meno equilibrato le sue esportazioni verso tale continente, con una media di 12,8 miliardi dollari l’anno. Le principali esportazioni giapponesi verso il mercato africano riguarda automobili, macchinari, navi, prodotti elettronici, ferro e acciaio; il Sudafrica rappresenta, attualmente, circa un terzo delle esportazioni totali giapponesi verso l’Africa. L’Africa importa anche più usate auto giapponesi rispetto ad ogni altro continente.

Il Giappone si colloca oggi come sponsor project finance asiatico più attivo in Africa, investendo quasi tre volte tanto quanto la Cina, che è spesso considerata come l’investitore asiatico più attivo sul continente. 10- 15 anni fa, ci sono stati alcuni grandi investimenti giapponesi in Africa e ora si assiste ad una nuova ondata di investimenti.

Il governo giapponese, nello specifico, sta ora aiutando a finanziare direttamente progetti infrastrutturali in Africa. L’Agenzia di Cooperazione Internazionale giapponese (JICA), sta conducendo progetti locali da utilizzare successivamente per i grandi sistemi infrastrutturali in Africa orientale. I suoi due principali impegni sono nuovi terminal per container, a Mombasa in Kenya e a Nacala in Mozambico.

Il JICA sta anche finanziando la massiccia espansione di Nacala, che è il più profondo porto naturale sulla costa orientale dell’Africa. Ha fornito 93 mila dollari nel corso degli ultimi tre anni per riqualificare la banchina nord e altre infrastrutture portuali. Nel mese di giugno, ha firmato un accordo per fornire un prestito di 250 milioni di dollari, a basso interesse, al fine di finanziare la costruzione di un nuovo terminal container. Nacala soprattutto è stato sviluppato per gestire le esportazioni di carbone da Tete, Provincia nel nord-ovest del Mozambico, tuttavia si spera che la fornitura di un moderno terminal container con nuove attrezzature di movimentazione delle merci incoraggerà un più ampio sviluppo economico nella parte settentrionale del paese.

La sicurezza energetica è stato a lungo uno dei pilastri fondamentali delle relazioni estere del Giappone. Il paese produce pochissimo petrolio, gas e carbone e quindi è estremamente dipendente dalle importazioni di energia. Tale dipendenza è emersa maggiormente dal momento della chiusura di tutti i reattori nucleari del paese in seguito al disastro nucleare di Fukushima del 2011.

Il Mozambico sarà particolarmente importante a questo proposito, in quanto fornirà sia carbone e gas naturale liquefatto (GNL). Mitsui ha una partecipazione del 20% nel progetto LNG Mozambico, che prevede di sviluppare un impianto di GNL in provincia di Cabo Delgado che alla fine produrrà 50 mila tonnellate di GNL all’anno. Gran parte di tale produzione è prevista per essere esportata in Giappone. Nel mese di ottobre 2012, Maputo e Tokyo hanno firmato un memorandum di ampia portata che comprende la produzione e l’esportazione di carbone e gas. Il governo giapponese è anche desideroso di garantire l’importazione di GNL dalla vicina Tanzania, se e quando un impianto di GNL è costruito in quel paese. Un incontro tra il governo giapponese e funzionari provenienti da 16 paesi africani si è tenuto in Giappone invece alla fine di maggio. Tokyo ha promesso di investire 2 miliardi di dollari in cinque anni al fine di sostenere progetti minerari intrapresi da  imprese giapponesi del settore privato in Africa.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.paesiemergenti.com/giappone-aumentano-gli-investimenti-in-africa-nei-settori-energia-e-infrastrutture">
Twitter
LinkedIn