Kazakistan, le risorse naturali attirano nuovi investimenti esteri

Nel primo trimestre del 2016 il Kazakistan ha attratto investimenti diretti esteri per 2,7 miliardi di dollari. Il dato segnala un ritorno della fiducia degli operatori economici internazionali verso il grande paese Euroasiatico, in particolar modo nel settore minerario.Il Kazakhstan è il sesto paese più grande del mondo in termini di risorse minerarie. 99 elementi scoperti, 70 elementi esplorati, 60 vengono recuperati e utilizzati nel suolo del Kazakistan di 110 elementi della tavola periodica di Mendeleyev, tra i piu’ importanti: petrolio, gas, uranio, zinco, tungsteno, bario, argento, piombo, cromo, rame, fluoriti, molibdeno e oro. Il Paese resta infatti il più importante produttore di energia dell’Asia Centrale: lo scorso gennaio l’Oil and Gas Journal ha stimato in 30 miliardi di barili le riserve di greggio del Kazakhstan (per Stati Uniti e Russia la stima era, rispettivamente, di 21,8 e 60 miliardi di barili); nel settore petrolifero, il Paese punta a una crescita produttiva molto sostenuta nei prossimi tre anni, principalmente grazie ai giacimenti di Tengiz, Karachaganak, Kashagan e Kurmangazy, mentre per quanto riguarda il gas naturale il Paese possiede importanti riserve concentrate nelle quattro regioni occidentali (Atyrau, Mangghystau, Aqtöbe e Kazakhstan dell’Ovest). Un aumento di produzione, che, dato il consumo interno limitato, si tradurrà in un forte aumento delle esportazioni di idrocarburi.

L’obiettivo fissato per il 2016 e’ di raggiungere i 10 miliardi di dollari. Nel 2015 i flussi in entrata di IDE hanno registrato una riduzione del 30% dovuta alla non facile fase congiunturale domestica ed internazionale. Nel decennio passato il Kazakistan ha attratto investimenti esteri per 226 miliardi dollari con un primato detenuto dai gruppi olandesi ($66 mld), statunitensi ($26 mld), svizzeri ($15 mld). Nei prossimi anni è prevista una crescita degli investimenti diretti esteri di origine cinese focalizzati prevalentemente nel comparto industriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Follow by Email
Facebook
Google+
http://www.paesiemergenti.com/757-2">
Twitter
LinkedIn